La Domanda di Andrea Giunchi – Il calciomercato ricomincerà a metà agosto?

Sicuramente, avete o avete avuto, un amico o un’amica, cornuto o cornuta.

La persona che conoscete, o avete conosciuto, magari ignora questo fatto. O è stata proprio l’ultima a venirlo a sapere.

I tradimenti sono, o erano, noti a diverse persone, e discussi in ogni occasione, tra le risate e lo sgomento generali.

 

E quando il vile imbroglio è stato, o sarà, scoperto?

Siete, o sarete, ritenuti complici?

 

La giustizia sportiva vi darebbe dai 6 ai 12 mesi di squalifica. “Per avere violato il dovere di informare senza indugio la Procura federale” – i cornuti – “omettendo di denunciare i fatti integranti illecito sportivo.”

 

E se aveste prestato la macchina ai fedifraghi?

Responsabilità oggettiva: non avete commesso direttamente il fatto, ma ne siete in gran misura responsabili, quantomeno per non aver compiuto il vostro dovere di amici della coppia.

 

La giustizia sportiva vi darebbe qualche punto di penalizzazione in classifica in questo caso, ma sicuramente meno di 8.

All’Atalanta, che prestò maglia e stadio a Doni, ne hanno dati 6 senza patteggiamenti. Dunque sarà difficile aspettarsi peggio di quanto ricevuto dagli orobici, per le società oggi deferite per responsabilità oggettiva:  Ancona, Siena, Novara, Torino, Varese, Albinoleffe, Bari, Udinese, Portogruaro, Sampdoria e Bologna.

 

Se poi il fedifrago o l’amante siete proprio voi? Siete da responsabilità diretta. Retrocessione. Lecce e Grosseto, deferiti per responsabilità diretta, appunto, rischiano la Lega Pro.

 

Frase Fatta di Andrea Giunchi: nel calcio servirebbe una bella ripulita.

 

Tralasciando i seguenti temi

1. Che viviamo in un paese capace di darti come imprinting culturale “Chi fa la spia non è figlio di Maria, non è figlio di Gesù, e quando muore va laggiù”,

2. Che l’Italia è un paese fondato su diverse declinazioni di “falso”,

3. Che parlare con sdegno di illeciti sportivi fa ridere, considerata la media levatura morale e giudiziaria dei proprietari delle squadre di calcio professionistico,

4. Che in 5-6 giocatori non si decide il risultato esatto di una partita, e che saranno quindi decine quelli che sanno ma che non hanno informato “senza indugio la Procura federale”,

5. Che visto l’ampio numero di coinvolti o potenziali tali, negli anni questa cosa avrà strascichi notevoli,

6. Che deferito non significa colpevole,

7. E che questo è solo il primo filone di deferiti, e nei prossimi saranno coinvolti di nuovo Samp, poi Genoa, Napoli, Lazio e chissà chi altro,

 

possiamo dunque pensare che tante squadre dovranno affrontare un “Calciomercato 2: il dopo deferimenti”, cioè una serie di acquisti di metà agosto per riparare ai buchi d’organico creati dalle sentenze sportive.

 

Frase Fatta di Andrea Giunchi: i sequel non sono mai all’altezza dei precedenti episodi.

 

Chi?

 

La Juve, salutato Bonucci, dovrà cercare un altro difensore.

Per chi non lo avesse notato, Bonucci è fondamentale nella Juventus: quando Pirlo è marcato a uomo, è suo il compito di impostare l’azione, liberando il numero 21 bianconero. E Lucio non agirà da centrale, come Bonucci, tra i 3 difensori che la Juventus abitualmente schiera: il brasiliano è stato preso per sostituire all’occorrenza Barzagli o Chiellini. Sarà quindi arduo trovare un sostituto all’altezza.

 

La Juventus dovrà anche valutare cosa fare con l’allenatore.

Conte, anche patteggiando, dovrebbe ricevere tra i 3 ed i 6 mesi di squalifica.

Potrà allenare, ma non sedere in panchina. Dobbiamo aspettarci dei pizzini alla Mourinho?

Forse qualcosa di più, visto che anche il secondo di Conte è stato deferito, e non potrà farne le veci in campo.

 

E la Juventus, completamente estranea ai fatti imputati ai suoi attuali tesserati, poiché tesserati altrove all’epoca degli illeciti, cosa dovrebbe fare?

Non è una domanda da poco…dovrebbe tenersi un allenatore deferito, dovrebbe difendere Conte ed il Siena, ad oltranza?

Non si tratta della squalifica, ma dell’immagine di se stessa che vuol dare, anche ai top player stranieri a cui ambisce.

 

Chi qui scrive, è dell’idea che in Italia vincere non sia importante. Ma che sia l’unica cosa che conta.

E che questo principio avrà ragione di ogni dubbio etico o morale, alla Juventus come altrove.

 

Il processo scommesse probabilmente colpirà duramente anche l’Inter di Stramaccioni: per Palacio si prospetta un settembre burrascoso.

 

L’Inter valuterà la portata dei provvedimenti presi in questa prima tranche di sentenze, e valuterà quindi come muoversi durante il “secondo” calciomercato.

Se le sentenze saranno leggere, si aspetterà Palacio.

Se saranno pesanti, forse si affonderà il colpo per Lucas: giocatore certamente diverso dall’argentino, ma in grado di alzare il tasso tecnico della squadra di Stramaccioni.

 

Frase Fatta di Andrea Giunchi: nella vita il tempismo è fondamentale.

 

Di sicuro, a settembre, un’altra ondata di deferimenti verrà recapitata a molteplici destinatari. E le squadre colpite in quei casi, a mercato chiuso, non potranno integrare l’organico per far fronte ad eventuali squalifiche.

Chi trema sul serio, sono quindi Genoa, Sampdoria, Lazio e Napoli.

Andrea Giunchi

@AndreaGiunchi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...