Ce l’ho azzurro – Maggio scocciato

Il grande carisma di Christian Maggio

Noi con la Russia c’avevamo perso 3-0, senza appello, qualche giorno fa in amichevole. Stasera la Russia ha asfaltato la Repubblica Ceca 4-1: cose che non si vedevano dai tempi dell’invasione di Praga. In quell’amichevole uno dei migliori (della Russia) è stato Christian Maggio. Me lo ricordo bene, Maggio. L’avevo preso a un’asta di riparazione del fantacalcio, lui era appena arrivato al Treviso già ampiamente avviato verso una tranquilla retrocessione. Era considerato difensore, ma giocava sempre avanzato. Qualche piccolissima soddisfazione me la diede. Piccolissima, ripeto, non enorme come le scempiaggini che ha fatto contro la Russia insieme all’amico De Sanctis: si vede che giocano insieme, c’era un affiatamento…

Ora, uno così in Nazionale di solito viene convocato per far numero. Un po’ come avevo fatto io al fantacalcio nel 2006. E invece no, la bella prestazione contro la Russia gli è valsa la promozione. Maggio giocherà titolare contro la Spagna. Contro i campioni del Mondo e d’Europa, contro Xavi e Iniesta e Xabi Alonso, contro le Furie Rosse nel nostro centrocampo giocherà Christian Maggio. Che naturalmente non  sarà solo nella linea dei 5 di centrocampo. Passi per Pirlo e Marchisio (che non sono due stelle ma tre) e passi un po’ meno per Thiago Motta, uno dei rari colpi di mercato dell’Inter degli ultimi anni – il colpo è aver trovato uno sceicco disposto a pagarlo, secondo me quello pensava di comprarsi Autogrill Motta. Ma mi conforta che sulle fasce avremo Maggio da una parte e l’immarcescibile Giaccherini. Che infatti non marcisce perché sa bene quale anticrittogamico e pesticida utilizzare. Lui era partito come giardiniere della Nazionale, aveva pure un contratto d’apprendistato al consorzio agrario di Fiesole, ma come tutti i giocatori duttili risponde sempre presente. Anche quando gli chiedono di toccare l’erba con i tacchetti e non solo con la motozappa.

Della difesa ormai sappiamo tutto. Si tratta della prima volta nella storia italiana che la difesa non ha segreti. Cossiga si rivolterà nella tomba. De Rossi dice che farà da collante tra difesa e centrocampo. Ma userà Kerakoll o Saratoga? Attento al silicone, può avere effetti indesiderati. Infatti la sua Sarah ci va benissimo così, al naturale. Al limite con un filo d’olio d’oliva. O un po’ burrosa.

Giorgio Caccamo

@giorgiocaccamo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...