La domanda di Andrea Giunchi -Mario Monti sarà il prossimo presidente del Milan?

Mario Monti sarà il prossimo presidente del Milan?

Ad ore molto probabilmente Maxi Lopez sarà un tesserato dell’A.c. Milan. I rossoneri vogliono mettere sotto contratto l’attaccante argentino per sopperire all’assenza di Cassano, out “per motivi di salute”, un po’ come quand’eravamo a scuola. Questo significativo acquisto arriverà dopo un paio di settimane infuocate, che i dirigenti milanisti hanno trascorso a soffocare e ad alimentare, alternativamente, voci di corridoio e di bilancio.

Due bellissimi per il Milan: prima Maxi Lopez (sin.), poi Caritos Tevez

Si è parlato, urlato e sussurato più o meno di tutto. S’è detto che il Milan non avrebbe acquistato nessuno. Che gli affari sentimentali tra la figlia del Presidente e un attaccante della squadra non avrebbero cambiato il clima dello spogliatoio. Che Carlitos Tevez, un formidabile attaccante argentino, sarebbe arrivato a dare il suo contributo. Che il migliore giocatore della squadra avesse un forte mal di pancia e che fosse in procinto di andare altrove, magari a Londra, forse a cercare un bagno che funzioni. Che Alexandre Pato, il genero in divenire del Presidente, fosse incedibile, poi che fosse stato ceduto, e poi che fosse tornato di nuovo incedibile.

Si è detto tutto, e il contrario di tutto. Poi, alla fine, ci si è ricordati chi sta a capo del carrozzone.

Silvio Berlusconi è un vincente. In politica come nel pallone. Innaffiando di soldi il Milan – fu lui il primo in Italia a spendere massicciamente nel calcio – lo ha reso un carrozzone schiacciasassi, capace di portarsi in bacheca tanti trofei nazionali e non. Affidando quasi in toto la gestione della squadra ad un manager abilissimo come Adriano Galliani, ha dato forma ai suoi sogni di Presidente-imprenditore-operaio-tifoso.

Ecco. Quasi, in toto. Si dice infatti che il cuore del Presidente abbia imposto al cinico amministratore Galliani di non vendere il potenziale genero/campione, piegando la ragion di squadra a quella di cuore, e scombinando alcuni piani di calciomercato.

C’è dunque chi si chiede se un governo puramente tecnico – dunque freddo e calcolatore – non sarebbe meglio per sfruttare il capitale sportivo ammassato negli ultimi due decenni dai rossoneri di Milano.

Noi diciamo che, no, non serve Mario Monti, o un altro tecnico, al vertice del Milan, e che dunque non accadrà nulla del genere. Serve, anzi, ancora più cuore.

Perchè proprio per amore si deciderà di trattenere Alexandre Pato, uno che ha bisogno solo di ritrovare la convinzione nei propri mezzi. E perchè proprio dando retta al cuore si deciderà di spendere, e di portare sia Maxi Lopez che Carlitos Tevez a Milano, nella speranza che questi possano reggere il peso della squadra quando il mal di pancia di Ibrahimovic sarà troppo forte per essere sopportato, e andrà a cercarsi un bagno oltremanica.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...